CHIESA SAN GIOVANNI BATTISTA

CHIESA SAN GIOVANNI BATTISTA

Periodo:
Locazione: Bugian Piccolo_CERRETO DI SPOLETO_(PG)

Descrizione lavori:
Consolidamento, Adeguamento e Miglioramento Sismico Committente: Curia Arcivescovile di Spoleto-Norcia Progettista: Arch.Giulia Santovito, Nicola Tella Direttore dei Lavori: Geom.Sergio Carsetti Responsabile di Cantiere: Renzo Boccanera LAVORI DI CUCI SCUCI La principale operazione di consolidamento, realizzata sulla muratura portante, è stata eseguita mediante la lavorazione di tipo scuci-cuci. Essendo la stabilità dell’edificio gravemente compromessa, si è resa necessaria la realizzazione di specifiche puntellature in corso d’opera all’interno delle scuciture realizzate, al fine di evitare il collasso della struttura. La ricucitura della muratura è stata eseguita su tutto lo spessore del taglio (ovvero non a sacco come quella esistente), facendo attenzione a tessere ogni piccolo vuoto a vista presente. Questo al fine di garantire una maggiore aliqota della sezione di muratura reale, reagente a compressione e quindi un contributo positivo al miglioramento sismisco della struttura. Inoltre, per evitare spiacevoli assestamenti delle murature a seguito dei lavori di scuci-cuci effettuati, è stata realizzata una “rintostatura” attraverso piccole cogne di legno (vedi foto) a garantire una sorta di precompressione della malta. Tali operazione si sono rese possibili grazie ai macchinari e alla mandopera specializzazta di cui la Costruzioni Boccanera Ivo e F.lli dispone. L’ARCO DELL’ABSIDE Il consolidamento dell’arco dell’abside, è avvenuto secondo la serie cronologica di lavorazioni qui di seguito riportata: -puntellamento -catalogazione -rimozione di una corona di muratura al disopra dell’arco -rimozione delle pietre costituenti l’arco -esecuzione di micro perfori sulle pietre costituenti l’arco e fissaggio negli stessi, tramite resina epossidica di tondini di ferro, opportunamente lavorati per essere ancorati alla muratura. -Rimontaggio dell’arco e stuccatura delle pietre. CATALOGAZIONE DELLE PIETRE Le pietre a vista rimosse, sono state tutte attentamente sistemate a pie d’opera e preventivamente catalogate. Le pietre a vista lesionate o spaccate sono state riconsolidate in loco con iniezioni di collanti e cerchiature di filo di ferro. Le pietre a vista frantumate dalle sollecitazioni di compressione e da fenomeni di crioclastismo sono state sostituite con delle nuove pietre, appositamente ricostruite con materiali del posto. PERFORI ED INIEZIONI La malta iniettata nelle murature è costituita da calce idraulica miscelata con basse dosi di cemento bianco tipo 425. I perfori sono stati fatti con una trivella avente diametro %%c. 40 mm, applicata ad un trapano a sola rotazione, in modo da non allentare le murature nell’esecuzione dei perfori stessi. La malta è stata iniettata con pompa a bassa pressione.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close